Il MotoGP in Pay-TV è qui per restare, assicura Carmelo Ezpeleta

Con l’acquisizione di MotoGP da parte di Liberty Media, sorgono domande sul futuro – come l’aspetto dei diritti televisivi e del modello di trasmissione. Secondo il CEO di Dorna, Carmelo Ezpeleta, la televisione a pagamento è destinata a rimanere, ed è inconcepibile tornare alla televisione in chiaro al momento attuale.

In dichiarazioni a GPOne.com, l’esecutivo ha dichiarato: “Con i costi attuali, la televisione in chiaro semplicemente non può pagare i diritti che riceviamo dalla televisione a pagamento con la pubblicità. Questo ci permette di coprire il 50 percento dei costi di ogni team di MotoGP”.

Chiesto se almeno le gare di sprint potrebbero essere trasmesse gratuitamente, Ezpeleta ha detto che è una questione da discutere, senza imporre obblighi:

– Sarà discusso, ma non mi piace forzare nessuno. È meglio trovare accordi, ma dipende anche dai diversi mercati. La televisione in chiaro può essere un’ottima opzione per poi abbonarsi alla televisione a pagamento, ma bisogna trovare un equilibrio.

Ezpeleta ha anche assicurato che non ci saranno trattative congiunte per i diritti televisivi di MotoGP e F1 né un servizio di streaming: “Non ci sarà per il momento un servizio di streaming congiunto: è come andare al bar, se prendi una birra e un caffè paghi entrambi [ride]. Tuttavia, i diritti televisivi per F1 e MotoGP non verranno venduti insieme”.